archive-org.com » ORG » A » ACQUADOLCE.ORG

Total: 517

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".
  • STOP TTIP - "Acquadolce"
    Documenti Campagne Acqua bene comune non merce consumo critico difesa dei territori Forum dei popoli Palestina STOP TTIP Rassegna stampa Link utili Home Campagne STOP TTIP STOP TTIP Perché il TTIP è il contrario del Commercio Equo 14 maggio 2015 IL Transatlantic Trade Investiment Partenership trattato di libero scambio tra Unione europea e USA attualmente oggetto di negoziati più o meno segreti è molto di più di un semplice accordo

    Original URL path: http://www.acquadolce.org/spip.php?rubrique78 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • "Io compro equosolidale - "Acquadolce"
    fatta di nicchie che vogliono smettere di esserlo di consumatori che chiedono merce diversa E di piccole imprese che hanno deciso di lanciare la sfida ai giganti del profitto Mettendosi insieme e imparando a fare sistema A spiegare il boom c è la grande voglia di economia responsabile degli italiani Un sondaggio di Lorien Consulting rivela che un consumatore su tre ha fatto in sei mesi almeno un acquisto etico Una domanda che ha avuto l effetto inevitabile di ampliare l offerta Non c è più solo il commercio equosolidale Ci sono i fondi d investimento per esempio I risparmiatori vogliono sapere che fine fanno i soldi se vengono prestati alle cooperative sociali o alle multinazionali del commercio di armi La finanza etica risponde a questa esigenza La forza di progetti come quello di Banca etica spiega il direttore dell Associazione finanza etica Marco Gallicani non sta solo nella destinazione dei fondi È fondamentale dare ai risparmiatori anche la possibilità di decidere attivamente quali iniziative finanziare Ma anche le banche tradizionali si sono accorte dell aria nuova E hanno messo sul mercato prodotti finanziari che escludono finanziamenti a business eticamente discutibili Il volume della raccolta annua del settore è così lievitato a 11 miliardi di euro Il ciclone non risparmia neanche le assicurazioni da anni in crisi di fiducia Il Consorzio assicurativo etico e solidale operativo dal 2003 viaggia a un ritmo di crescita del 30 l anno Ci sono imprese sociali che le compagnie ignorano ci sono persone come i disabili il cui rischio di infortunio è considerato non assicurabile Noi siamo nati per questo anche se abbiamo polizze come l Rc auto destinate a tutti dice il presidente Gianni Fortunati Adesso però vogliamo crescere e diventare una compagnia vera e propria Desiderio diffuso quello di fare il salto

    Original URL path: http://www.acquadolce.org/spip.php?article11 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Lettera aperta di Ctm altromercato sull'inclusione delle grandi compagnie transnazionali nel settore del fair trade - "Acquadolce"
    TNC nel circuito del commercio equo e solidale fair trade La riflessione ovviamente prende la mossa dalla recente vicenda Nestlè il lancio di una linea certificata di caffè equo e solidale nel Regno Unito ampiamente ripresa dalla stampa nazionale e internazionale che sta scatenando in tutto il mondo una spontanea reazione di protesta da parte di organizzazioni di commercio equo e solidale volontari consumatori consapevoli attori della società civile Questa protesta nella maggior parte dei casi si focalizza sul fatto che Nestlè è al centro di un azione di boicottaggio a livello internazionale Anche l organismo che gestisce il marchio di certificazione in Italia il consorzio Transfair Fairtrade ha utilizzato questo argomento in una nota ufficiale con la quale ha preso le distanze dalla decisione degli omologhi inglesi Pur condividendo appieno questa preoccupazione riteniamo necessario chiarire che il problema non si riduce a un giudizio sul profilo etico della TNC di turno og1 2 IMPRESE MULTINAZIONALI TNC E COMMERCIO EQUO E SOLIDALE NOTE DA CTM ALTROMERCATO Ctm altromercato ritiene che l eventuale inclusione delle Transnazionali TNC nel Fair Trade non possa essere considerata come una questione tecnica limitata a verificare l adeguatezza di standard e criteri in quanto riguarda sia le premesse che gli obiettivi del Fair Trade Chiediamo quindi che Flo non decida unilateralmente su questa importante questione Alla luce degli attuali documenti e discussione Ctm altromercato esprime dissenso sull entrata delle TNC nel Fair Trade e ritiene che tale operazione non deve essere facilitata solo in funzione dei potenziali fatturati aggiuntivi Le ragioni connesse all aumento di accesso al mercato di prodotti produttori Fair Trade e la possibilità di relazionarsi ad importanti attori del commercio internazionale non ci sembrano motivi validi in assoluto e comportano gravi rischi per l intero movimento Rimane centrale per il Fair Trade l

    Original URL path: http://www.acquadolce.org/spip.php?article46 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • Attenzione alla missione ONU in Libano - "Acquadolce"
    F 15 all esercitazione dell Aeronautica militare italiana SPRING FLAG 2006 svoltasi in Sardegna dall 8 al 27 maggio un mese dopo gli stessi F 15 israeliani attaccano il Libano Oltre a queste attività la Legge 94 2005 prevede la cooperazione nella ricerca sviluppo e produzione di tecnologia militare tramite lo scambio di dati tecnici informazioni software Da notare inoltre che il disegno di legge fu presentato dai Ministri delle Difesa e degli Esteri di concerto col Ministro dell Università e della Ricerca Nel febbraio 2006 infatti la ministra Moratti approvò un finanziamento di 10 2 milioni di euro per 31 progetti di ricerca congiunta tra enti israeliani ed enti italiani CNR Scuola Superiore Sant Anna di Pisa Università di Milano Roma Bologna Torino ed altre in cui non è specificato se per scopi civili o militari Non finisce qui la legge prevede ancora che la cooperazione militare con Israele è soggetta all accordo sulla sicurezza cioè sottoposto a segreto militare Ah dimenticavo I due istituti di ricerca israeliani previsti in quest accordo di cooperazione con quelli italiani sono l Istituto Weizmann principale centro di ricerca che ha permesso a Israele di costruire e mantenere il suo arsenale nucleare il Technion istituto di ricerca che lavora sulle armi ad energia diretta bombe a microonde che Israele ha quasi certamente usato a Gaza e in Libano In perfetto sincronismo istituzionale anche la Regione Lazio e la Provincia di Milano i cui presidenti sono stati eletti dall UNIONE hanno firmato accordi cooperazione per progetti di ricerca con enti israeliani In particolare il progetto della Regione Lazio firmato a Roma l 11 luglio 2006 due giorni prima dell attacco israeliano al Libano prevede la cooperazione nel settore spaziale ed elettronico le cui applicazioni militari sono palesi E per finire un po di gossip durante la visita tra maggio e giugno 2006 in Israele la delegazione italiana guidata dal presidente Filippo Penati DS ha visitato l Istituto Weizmann padre della bomba atomica israeliana Azione politica dal basso Urge un controllo politico dal basso per fare pressioni sui parlamentari che abbiamo votato se continuano di questo passo sarà l ultima volta per saperne di più lanciando un appello e chiamando in causa i rappresentanti della sinistra radicale di Nettuno segretari coordinatori ecc che si sono molto prodigati per cercare di acquisire voti durante l ultima campagna elettorale nel campo delle associazioni ecc ed invitando gli elettori consapevoli ha presentare il conto La domanda è questa come può un Governo di centrosinistra mandare una forza di interposizione tra due fazioni in guerra con la caratteristica di essere al di sopra delle parti quando lo stesso Governo è sbilanciato da una parte Quali garanzie ci sono che l esercito italiano in missione ONU si comporti in modo paritario nei confronti di Israele e del Libano se esiste un accordo militare con Israele e magari le stesse bombe che hanno distrutto il Libano facendo più di 1000 morti sono state costruite o sono frutto della ricerca di Istituti

    Original URL path: http://www.acquadolce.org/spip.php?article52 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • La contro-manovra - "Acquadolce"
    b Tassa su rendite finanziarie al 23 Imposte ad hoc per rendite da privatizzazioni c Revisione tassa su patrimoni immobiliari d Revisione studi di settore e normative contro società di comodo e Tasse di scopo per colpire consumi e produzioni dannose f Tassare extraprofitti da aumento del prezzo del petrolio diritti tv e pubblicità g Abbattere Iva su consumi culturali i Prelievo e sfruttamento acque minerali revisione legge concessioni governative Tassa regionale su prelievi Centesimo di solidarietà su tariffe acqua Imprese a Sostegno imprese responsabili sviluppo locale e auto imprenditorialità b Legge su distretti industriali c Trasparenza sostegno imprese all estero d Reintrodurre punibilità falso in bilancio Disarmo Ridurre del 20 spese militari e del 50 organici di forze armate Azzerare finanziamento missione Afghanistan 50 di risorse in più al servizio civile Welfare a Raddoppio fondo politiche sociali Reddito minimo d inserimento Costruzione 3mila nuovi asili nido b Intervento straordinario per diritto alla casa c Investimenti edilizia scolastica d Fondo per diritto allo studio abolizione fondi scuole private f Chiusura Cpt e fondi a politiche d integrazione g Strutture alternative alla detenzione h Introduzione flexicurity l Fondo nazionale per diritto all acqua Ambiente a Risparmio energetico e sviluppo fonti rinnovabili b Fondi adeguati al trattato di Kyoto c Revisione priorità settore infrastrutture d recepire regole Ue su valutazione d impatto ambientale e valutazione ambientale strategica e Revisione norme contro i subappalti nei lavori pubblici f Promozione trasporto su rotaia tecnologie pulite e trasporto via mare g Revisione cartolarizzazioni e blocco svendita patrimonio pubblico di pregio h Attuare regolamento Ue sulla chimica l Piano nazionale su diversità biologica m Lotta abusivismo edilizio Solidarietà internazionale a Portare allo 0 7 del Pil entro il 2011 la quota fondi allo sviluppo b Cancellazione debito entro il 2008 c Partecipazione al gruppo dei 43

    Original URL path: http://www.acquadolce.org/spip.php?article53 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • MAMA AFRICA NON CANTA PIU' - "Acquadolce"
    che ha raccolto la sua ultima performance Storie troppo simili a quelle di altri giovani africani che oggi non trovano pace neanche nella nazione che si vorrebbe arcobaleno il Sudafrica gigante economico del continente che attira verso sud quelli che non scelgono il nord per vivere la loro clandestinità Tutti vittime di un apartheid più subdolo di quello mostruoso che a Miriam Makeba ha inflitto oltre trent anni di esilio e tante tragedie ma non meno degno di essere combattuto con tutte le forze L abbiamo rivista ieri nei tg piazzata a panino tra le disgrazie di Goma e la gloria di Obama bella e combattiva nel fiore degli anni leopardata e singhiozzante mentre grida Amampondo zigomi spiritati fotogrammi in bianco e nero alternati alle immagini ormai macabre della sua ultima performance Miriam Makeba è la cantante africana più celebre di tutti i tempi l artista che ha mescolato le radici con il soul l impianto povero del kwela macinato nelle township con le luci di Broadway i click che schioccano nella lingua di suo padre xhosa come Mandela con la postura glamour di una donna che nel donarsi anima e corpo a una causa non ha rinunciato al sogno di diventare ricca e famosa Poteva succedere in America a partire dal celebre concerto tenuto davanti al presidente Kennedy se non si fosse poi innamorata del leader delle Pantere Nere Stokely Carmichael Poteva funzionare in Africa se i rovesci dei leader che l accolsero a braccia aperte anche per ragioni di immagine non si fossero così drammaticamente ripercossi sulla sua vita In Guinea Conakry doveva incarnare l euforia e la consapevolezza post coloniale con la sua voce e alimentare la ricerca dell autenticità con le sue acconciature Sekou Toure la utilizzò anche per i suoi scopi personali non c è

    Original URL path: http://www.acquadolce.org/spip.php?article119 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • La super-merce che ti è entrata nei polmoni - "Acquadolce"
    spazi urbani anonimi dove il tempo libero è scandito dai consumi Nel libro c è una vignetta dove la rotonda del centro commerciale si trasforma in un inevitabile centro rondo le frecce indicano una sola direzione il consumo Non finisce qui Fra qualche anno diverrà un distretto un intera città di affari non a caso ShopVille sorge a due passi da Ikea Carrefour Comet Così è per le nuove Coop di Imola o a Bologna dove il nuovo centro commerciale Officine Minganti sta cambiando il volto della città tra la Fiera e la Bolognina dotando il quartiere di attrezzature sportive negozi uffici luoghi per l incontro l aggregazione e la cultura E a Castel san Pietro sempre nel bolognese spicca un grande outlet di abbigliamento destinato anch esso a espandersi L obiettivo non è favorire i tuoi acquisti ma invogliarti a passare molte ore o intere giornate lì dentro Questo è il futuro prossimo E già il presente in molti luoghi Vicino a Vienna c è un enorme distretto circondato da cinta di insegne come fosse una città In Slovacchia dove le scritte invitavano allo stakanovismo ora esistono giganteschi cartelloni che indirizzano a queste cittadelle del consumo Accade così in tutto il mondo salvo un paio di Paesi che provano a resistere La statunitense Wal Mart che sta per sbarcare in Italia ha munito il suo impero di un proprio sistema bancario del resto anche Coop in piccolo lo fa con sportelli che assicurano prestiti e altre operazioni Sinora la distribuzione alimentare in Italia è dominata da 5 giganti due ancora nelle mani di imprenditori italiani con la Coop al primo posto Le liberalizzazioni del ministro Bersani possibilità per gli iper mercati di vendere i farmaci la benzina ecc favoriranno ulteriormente queste tendenze Si dice che ciò aiuta i consumatori ed è tutto da dimostrare ma è ovvio che dietro ci sono queste lobbies La grande distribuzione organizzata è l anello di congiunzione tra lo sfruttamento incondizionato delle risorse del pianeta e l induzione al consumo in nome della crescita soprattutto monetaria Occorre diffondere e costruire questa consapevolezza fra i consumatori del Nord ma anche tra i piccoli produttori di tutto il mondo del Sud e del Nord schiacciati dal sistema distributivo Voi parlate di un consumatore ipnotizzato Ci sono nuove tecniche di persuasione o d inganno Sta succedendo di tutto Un numero della rivista The ecologist ne ha parlato di recente ma è un terreno ancora poco indagato e in parte tabù Alcune novità già sono passate carrelli più grandi rilevatori dei prezzi labirinto degli sconti premi e raccolte punti appositamente studiati per implementare l acquisto e una pubblicità ingannevole che molto spesso costruisce l immagine di aziende socialmente responsabili e impegnate in progetti umanitari La schedatura dei tuoi acquisti consente di avere un identikit alla faccia di ogni privacy Le radio frequenze insomma il codice a barre e le sue varianti con micro chip che contengono tutte le informazioni del prodotto captate a distanza di chilometri come le

    Original URL path: http://www.acquadolce.org/spip.php?article73 (2016-02-10)
    Open archived version from archive

  • FINANZIARIA ARMATA - "Acquadolce"
    quei riferimenti hanno tradito quei valori ma anche che l alternativa a quel tipo di movimento esiste potenzialmente ed ha i suoi germogli nel nascente movimento NO WAR si vedano gli appuntamenti sul sito http nuke disarmiamoli org Napoli 16 novembre 2007 FINANZIARIA ARMI POLITICA CHE VERGOGNA Rimango esterrefatto che la Sinistra Radicale la cosiddetta Cosa Rossa abbia votato il 12 novembre con il Pd e tutta la destra per finanziare i CPT le missioni militari e il riarmo del nostro paese Questo nel silenzio generale di tutta la stampa e i media Ma anche nel quasi totale silenzio del mondo della pace Ero venuto a conoscenza di tutto questo poche ore prima del voto Ho lanciato subito un appello in internet era già troppo tardi La frittata era già fatta Ne sono rimasto talmente male da non avere neanche voglia di riprendere la penna Oggi sento che devo esternare la mia delusione la mia rabbia Delusione profonda verso la Sinistra Critica che in piazza chiede la chiusura dei lager per gli immigrati parla contro le guerre e l imperialismo e poi vota con la destra per rifinanziarli E sono fior di quattrini Non ne troviamo per la scuola per i servizi sociali ma per le armi SI E tanti Infatti la Difesa per il 2008 avrà a disposizione 23 5 miliardi di euro un aumento di risorse dell 11 rispetto alla finanziaria del 2007 che già aveva aumentato il bilancio militare del 12 Il governo Prodi in due anni ha già aumentato le spese militari del 23 Ancora più grave per me è il fatto dei soldi investiti in armi pesanti Due esempi sono gli F35 e le fregate FREMM Gli F35 i cosiddetti Joint Strike Fighter Sono i nuovi aerei da combattimento costano circa 110 milioni di Euro

    Original URL path: http://www.acquadolce.org/spip.php?article85 (2016-02-10)
    Open archived version from archive



  •